La poesia di Antonia Belvedere

 

Il libro di Antonia Belvedere si intitola “Passìanne p”o pajese mije” ed è edito da Akkuaria.

n1467984316_1740

L’autrice, di San Marzano, precisa nell’introduzione  che non si tratta di napoletano ma di marzanese:

 

 

N’’ite accuncià’

n’agge sbagliate

nun è napulitane

sta léngua cca

è sule marzanése

vuie leggítele

cumme fosse francése

si po’ nun me capíte

lassate sta

nisciune v’obbliga

a nce pruvà’

 

Non dovete aggiustare/ non ho sbagliato/ non è napoletana/ questa lingua/ è solo marzanese/ voi leggetelo/ come fosse francese/ se poi non mi capite/ lasciate stare/ nessuno vi obbliga/ a provarci.

 

 

‘A MORTE  ‘E ZI’ TATONNE

 

Quanne zi’ Tatonne murètte

paréve nu signore

‘ncóppe a chillu liétte

vestute ‘e tutto punto

cammìse janche e cravatte

 

ndé déte ‘na curóne

e sa tenéve strétta strètta

mo ca n’ ‘a putéve jettà’

mo ca nun putéve

manche jastemmà’

 

e che se firaije ‘e fa’

 chella muglière

alluccave chiagnéve

se tirave ‘e capille

‘o vère se strujéve

 

assettàte a cape

ogni poche s’ ‘o strignéve

cummàre e cummarélle

ch’ ‘e facce appucundrute

cercàvene ‘e cunzulà’ ‘a puverèlle

 

“cèrte c’ ‘a morte

è ‘na mala spine

quanne se presènte all’intrasatte

e te spèzze ‘o bbène”

capuzziènne accussì recéve ‘a gente

 

e tra ‘na làcreme e ‘n’âte

‘a védovèlla ne facéve cunte

tutte buone chilli fatte

e chillu muorte sènza sapé’

cumme e quanne

paréve addeventate sante

 

 “quant’ ammore

quantu bbène

apprezzate e cunusciute

ère proprije nu buonomme

‘a bonàneme ‘e zi’ Tatonne”

 

ma pe’ me ère strane ‘o vère

pecchè da tutti risaputo

ca èra malamènte

nu puorche fòre morre

‘o vère nu curnute

 

e mo’ tante chiagniute

possibbile c’ ‘a muglière

l’amava proprio tanto

ca s’éve scurdate ‘o male

‘e taccarate e ‘o chiante

 

 

intanto ‘o muorte

nu’ me paréve ancòre pronte

paréve ca rurméve

capace ancòre ‘e s’aizà’

pe’ dà’ ‘ncuolle a tuttequante

 

 

 

“ère troppe brave

ère ‘o vère buone

pe’ tutte tenéve nu surrise

‘sta morte c’ ‘a fatte

pozze stà’ nda glorije r’’o Paravìse”

 

ancòre allucche e chiante

pe’ tutta ‘a vije fine ‘o campusante

‘o ritorne ‘éve fernute ‘e làcreme

chella puverèlle parève scemenute

 

ma quanne ‘a sére

chélla povera muglière

roppe mangiate e vìppete

ricènne sèmpe “è troppo”

s’assettàije a’ piére ‘o liétte

 

e ‘uardénnese ‘o ritratte

“ah Tatò’,Tatò’, e che m’ ‘e fatte 

nun te putéve verè’

primme ‘a morte“

e ‘nzerraije ‘e porte.

 

 

La morte di zio Antonio

 

Quando zio Antonio morì/ sembrava un signore/ su quel letto/ vestito di tutto punto/ camicia bianc e cravatta/

Tra le dita un Rosario/ e lo teneva stretto stretto/ visto che non poteva buttarlo/ visto che non poteva/ neanche bestemmiare/

Che fu capace di fare/ quella moglie/ gridava piangeva/ si tirava i capelli/ per davvero si struggeva/

Seduta a capo del letto/ lo stringeva continuamente/ comari e comarelle/ con le facce rattristate/ cercavano di consolare la poveretta/

“Certo che la morte/ è una spina molto pungente/ quando si presenta all’improvviso/ e ti toglie la persona amata”/ scuotendo la testa così dicevano le persone/

E tra una lacrima e un’altra/ la vedova ricordava a voce alta/ ed erano tutti momenti belli/ e quel morto senza sapere/ come e quando/ sembrava diventato santo/

“Quanto amore/ quanto affetto/ apprezzato e conosciuto/ era proprio un brav’uomo/ la buonanima di zio Antonio”/

Ma per me era davvero strano/ perché da tutti risaputo/ che era cattivo/ come un animale fuori dal branco/ un vero maligno/

E adesso pianto così tanto/ possibile che la moglie/ l’amava proprio tanto/ che aveva dimenticato tutto il male/ le botte e il pianto/

Intanto il morto/ non sembrava ancora pronto/ sembrava che dormisse/ capace ancora di alzarsi/ per dare addosso a tutti/

“Era troppo bravo/ era davvero un buon uomo/ per tutti aveva un sorriso/ questa morte che ha fatto/ possa essere nella gloria del Paradiso”/

Ancora grida e pianti/ per tutta la strada fino al camposanto/ al ritorno aveva finito le lacrime/ quella poverina sembrava intontita/

Ma quando a sera/ quella povera moglie/ dopo aver mangiato e bevuto/ dicendo sempre “è troppo”/ si sedette ai piedi del letto/

E guardando la foto del marito/ “ah, Tatò, Tatò che mi hai fatto/ non ti poteva vedere prima la morte?”/ e chiuse le porte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: