PLAY BASSO 3.0

 

 

 

La terza edizione del Play Basso ha visto gremita la sala del Palazzo De Cristofaro a Scordia.

Con la consueta perizia, Domenico Simone, curatore e moderatore della serata, ha offerto a tutti noi l’occasione di rendere omaggio a Salvo Basso.

Angela Bonanno ha letto poesie tratte da “Dui” di Salvo Basso.

Mario Giuffrida ha dato il suo contributo leggendo alcuni brani e ricordando l’impegno di Salvo nella promozione della cultura su tutto il territorio calatino.

Aldo Lanza, assessore di Militello, amico e collega di Salvo, ha regalato a tutti il suo ricordo di un viaggio di lavoro con lui su strade tortuose, fra discussioni e poesia, legandolo alla lettura di stralci tratti da “Quattru sbrizzi”.

Francesco Balsamo ha letto alcune poesie di Valentina Diana e di altri giovani autori tratte dal web.

Assya D’Ascoli, speaker di Radio Zammù, ha letto il racconto dialettale “Jacitu evi! Jacitu!” di Santo Calì, scrittore di Linguaglossa.

L’attore Giovanni Calcagno si è esibito in una toccante performance ispirata a un fatto di cronaca.

Mauro Mangano ha narrato una storia sufi “La falena e la candela”.

I 4Django Trio ( Sebastien Scuderi, Adriano Cristaldi, Giampiero Bugliarello) hanno aperto la serata con una particolare versione de “Les feuilles mortes” e ci hanno poi deliziato con altri brani francesi e di jazz manouche.  Bravissimi!

E io?

Anch’io, stasera, ho parlato di te. Ci siamo conosciuti l’11 novembre del ’97. Niente è casuale, niente mai è per caso: frugando tra vecchie carte un paio di giorni fa ho trovato una locandina che accomunava i nostri nomi in mezzo ad altri e riportava quella data. Una serata di vino nuovo e poesia, in cui abbiamo parlato tanto, non ricordo più di cosa. Di poesia, certamente.

Non potrei dire che sono stata tua amica, solo che avrei voluto esserlo. La tua scrittura è stata per me un preciso punto di riferimento, nei miei esperimenti in dialetto, perché è fresca, vivida, moderna, nel suo eludere convenzioni e  norme.

Non scriverò mai in dialetto come te, caro Salvo. Il piacere di frequentare spesso i tuoi scritti resta, immutabile.

Come immutabile è la poesia.

Orazio nei Carmina, parlando della poesia dice pressappoco: “è più durevole del bronzo, non potranno distruggerla né la pioggia né la furia del vento né gli anni innumerevoli… non morirò del tutto…”. 

E sono assolutamente certa che I POETI NON MUOIONO MAI perché la poesia è immortale.

Possiamo anche non sopravvivere a noi stessi, ma il frutto dell’ingegno non è fragile come il corpo, sfida i secoli, attraversa le ere.

Le parole belle sono come monili incorruttibili di cui abili artigiani-artisti ci fanno dono per aiutarci a vivere.
…e tu, Salvo, di quante parole ci avresti ancora fatto dono?

 

‘U POETA

 

Morsi ‘u poeta

comu mòrunu tutti

– macàri cu’ parra

ccu vuci d’angilu

si nni po’ jìri

‘n silenziu –

e l’autri ccà

‘mmenzu ‘e paroli

a ciculiari.

 

Splendida serata. Nonostante il compleanno in nero da “festeggiare”. La mia vita è costellata di compleanni in nero. Sussurri sottovoce “auguri”, cerchi di fare il conto (quanti anni sarebbero?) e poi trovi qualche motivo per tenerti aggrappata alla vita e per andare avanti. Il mio pensiero va a tua madre, Salvo, sempre in prima fila, partecipe, attenta, che vede restituirsi in queste occasioni minuscoli frammenti di te. Il mio pensiero va a tutte le madri. Io so. Conosco il loro dolore, il giogo da trascinare ogni giorno… Vorrei non conoscere quei gorghi, ma li frequento da anni.

Come alla fine del mio intervento, però, voglio chiudere con l’azzurro che ti dedico. Ciao Salvo!

IL VOLO DI ICARO

 

Ho studiato il volo

di tutti gli uccelli

l’aquila regale

e il falcone

al centro del cielo

e il tremante colibrì

e il gabbiano

abbandonato ai venti

nel facile planare…

 

ora sono io

padrone delle mie ali

aperte in una sfida

ora sono io

approdo nell’azzurro

uguale a un dio

 

debole una voce

e il sole è dentro me.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: