Ulisse

novembre 14, 2009

ULISSE

 

“De‘ remi facemmo ala al folle volo.”
DANTE ALIGHIERI; Inferno, XXVI

 

L’orizzonte è una lastra di cristallo
e la gioia vi naviga leggera
come un miraggio di gusci di noce.

La sirena verrà dal mezzogiorno
a tentarmi, vorrà essere baciata
e stretta tra le mie braccia, per perdermi.

La nave si allontana sulle fiamme
e brucia la dolcezza del suo canto
come un vino passato per la gola.

 

DANIELE RIVA


The Dome

novembre 14, 2009

 

the_dome_stephen_king__nuovo_libro

 

Dall’assolo -o quasi- in prima persona di Mr. Freemantle (a proposito, vuoi lasciarmi o no? posso per favore sapere che fine fai?) a un libro nuovamente corale, zeppo di personaggi.

Sul comodino, nell’infinita pila che cresce.

 

The Dome, la cupola, è la riscrittura di un romanzo che Stephen King tentò di realizzare per ben due volte tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, con i titoli The Cannibals (romanzo inedito e incompiuto di circa 450 pagine scritte a mano) e Under The Dome. Come ha dichiarato lo scrittore sul suo sito ufficiale, le due opere incompiute “sono stati due tentativi molto differenti di utilizzare la stessa idea: come si comportano le persone quando sono tagliate fuori dalla società di cui hanno sempre fatto parte? Mi ricordo che The Cannibals, come Needful Things, era una specie di commedia sociale. Il nuovo Under The Dome è stato completamente riscritto”. Il nuovo romanzo include solo il primo capitolo della versione del 1980.

copt13

 

per il trailer del libro e l’intervista a King:

http://www.simonandschuster.com/multimedia?video=46697674001

e per la trepitosa copertina interattiva:

http://www.simonandschuster.com/specials/stephen-king/UTD-ICr.swf


IL NOME RIMOSSO

novembre 14, 2009

IL NOME RIMOSSO

 

Ho volutamente confuso le tue iniziali 
nell’impasto di molti nomi 
ma il lievito della memoria 
le evidenzia in una sigla 
che ancora mi abbaglia. 

Dell’infanzia sopravvive uno scenario di guerra, 
in un suo rifugio ho sotterrato 
il mio amore per te 
temendo che venisse distrutto 
ma stento a riconoscerne il mascheramento. 

Quando altri ti nominano in mia presenza 
mostro un’indifferenza minerale 
e mi fingo altrove 
simile a un vaso dalla crepa girata 
verso il vuoto oltre la finestra. 

Al poligono d’addestramento 
non miro più alla sagoma romantica 
che di spalle mi ti ricorda. 
Non mi è concesso di rivelare a chi appartengo 
pur avendo sempre il tuo nome 
sulla punta della lingua 
come un colpo in canna 
puntata all’altezza del cuore e 
non comprendo perché mi manchi sempre 
nonostante il ripetuto segnale di: “fuoco!”.

 

VALENTINO ZEICHEN


Incontro con Dacia Maraini

novembre 14, 2009

 

9788817033664


Martedì 17 Novembre alle ore 18.30

alla Libreria Cavallotto

Corso Sicilia, Catania

la scrittrice Dacia Maraini

incontrerà i suoi lettori in occasione dell’uscita del suo nuovo libro

LA RAGAZZA DI VIA MAQUEDA

edito da Rizzoli


ULTIMI DILUVI

novembre 14, 2009

 

ULTIMI DILUVI

 

Ultimi diluvi di giovinezza

sparite leggerezze occhi spezzati

come è fresca la giornata che nasce

vita mia che ti sfiorisci senza saperlo

e perdi ad una ad una

le voglie più stupide e gloriose

morire senza degenerare

sarebbe giusto e dolce

chiudere la bocca senza dire addio

allungarsi sul letto

ed essere già freddi e lontani

camminare via coi piedi

nelle scarpe di cartone

ma la dolcezza sbolle lentamente

si perde nei sentieri degli occhi

fa nidi sparsi tra i pensieri

le palpebre pesanti

si aprono ancora al mondo

e il gusto della vita

si insinua sotto la lingua.

 

 DACIA MARAINI


Ulisse

novembre 14, 2009

ULISSE

 

Nella mia giovinezza ho navigato

lungo le coste dalmate. Isolotti

a fior d’onda emergevano, ove raro

un uccello sostava intento a prede,

coperti d’alghe, scivolosi, al sole

belli come smeraldi. Quando l’alta

marea e la notte li annullava, vele

sottovento sbandavano più al largo,

per fuggirne l’insidia. Oggi il mio regno

è quella terra di nessuno. Il porto

accende ad altri i suoi lumi; me al largo

sospinge ancora il non domato spirito,

e della vita il doloroso amore.

 

UMBERTO SABA