Atelier

 
Atelier
Gabriella Rossitto, ARPANet

  LIBRO NON DISPONIBILE
ACQUISTA L’EBOOK
PER FAVORIRNE
LA PUBBLICAZIONE
SU CARTA! ACROBAT PDF
APN 88-7426-021-9
pp. 31, 151 Kb
Prezzo di copertina: € 4,50Porta nel carrello eBook
APN 88-7426-021-9
Microsoft Reader, 154 Kb
Prezzo di copertina: € 4,50

Porta nel carrello

Dal web alla carta!
Acquista una o più copie di questo libro elettronico per colorare progressivamente la barra sottostante, indice di gradimento del pubblico: quando sarà completamente blu, questo titolo verrà pubblicato su carta!Per esprimere il gradimento su questo eBook restano ancora:
5 giorni, 0 ore, 13 minuti e 44 secondi.
“L’atelier è una stanza enorme, aperta sulla luce. Da ogni finestra puoi scorgere un paesaggio differente. Ti affacci sull’Estaque, su una Parigi di brume, sulle campagne di Auvers. Qui la montagna Sainte-Victoire, Cape Cod e Togrøk, Elgersburg sotto la neve, il mare di Argenteuil; lì il sole africano di Kairuan, e ancora Arles, e il giardino del manicomio di Saint-Paul. Più oltre cattedrali di luce e tramonti in cento colori e albe livide e notti stellate…
Li immagino insieme, ciascuno davanti alla finestra preferita, a trafficare con tele vergini e dense macchie di colore, a scambiare logore tavolozze.
Matisse posa un braccio partecipe sulle spalle di Bonnard, con il quale condivide un destino di oscurità; Modì, paonazzo, si accende nell’ennesimo alterco con Pablo. Renoir li osserva dalla sua immobilità, mentre Vincent confida a Henry il suo segreto… Quando cerco la fuga mi reco nell’immenso atelier e lascio che l’odore di trementina mi assalga. Prendo la mia tavolozza e navigo nella magia”

Nessuna descrizione potrebbe essere più indicata per introdurre la perfetta silloge poetica dell’autrice catanese appassionata di arte, da sempre, in tutte le sue forme. Una rassegna intensa ed eterogenea sulle ispirazioni, tramutate in versi, nate dalle molteplici suggestioni a cui quadri e colori, insieme ad alcuni tra i celebri e apprezzati esponenti mondiali, possono dare vita.

La Ruche

Non si dorme.
Puzza di aringhe,
sulla porta un numero.
Ubriachi tornano
lanciando sassolini
alle finestre.
Povere vite inseguono sogni.
Io veglio.
Ascolto solo questa musica
che si fa colore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: