Ancora a proposito di King

 

I PERSONAGGI

Essendo una dichiarata, inguaribile (che meravigliosa malattia!) king-addicted, potreste pensare che, come ogni innamorato, non veda i difetti.

Non è così, sono molto critica, e oggettiva. Spesso ho chiuso un libro di King con la sensazione di qualcosa di stonato, a volte gli epiloghi mi hanno lasciato l’amaro in bocca, ho colto sbavature e incongruenze… ma, proprio come gli innamorati ho capito che faceva parte del “pacchetto”. La perfezione non esiste, anche se la si persegue costantemente. Le storie ci sono, e ti prendono. Vorrei soffermarmi però sulla caratterizzazione dei personaggi. Ti restano addosso per anni, puoi dimenticarne il nome, l’aspetto, ma sono lì, potenti e incancellabili. Finisci il romanzo e ti restano a fianco, e continui a pensarci… non è che mi capiti con tanti altri autori –e certamente non frequento solo King, anche perché avendo letto l’opera omnia o quasi (mi manca solo la saga della Torre nera), dovrei aspettare un paio d’anni per leggere un libro.

Qualche esempio, magari insufficiente.

 

CUORI IN ATLANTIDE

Liz, la madre di Bobby Garfield, , dolente e buffa, perdente, incapace di amare, o comunque di dimostrare amore.

 

LA STORIA DI LISEY

Lisey Debusher e il suo amore per Scott, che travalica tempo e spazio, che va oltre la morte, la follia e la ragione.

 

COSE PREZIOSE

Leland Gaunt, che conosce i più reconditi desideri e segreti delle sue ignare/compiacenti vittime, nella Castle Rock che conosciamo bene, assieme al piccolo Brian con le sue figurine e a Polly Chalmers con la sua devastante artrite reumatoide.

 

L’ACCHIAPPASOGNI

Ancora la città di Derry per quattro amici uniti per sempre. Si potranno trovare discutibili le “donnole maledette” (definite così da Thabita King), ma mai si potrà dimenticare il rapporto forte e indissolubile che lega Jonesy, Henry, Beav e Pete attorno alla figura tratteggiata senza facile pietismo di Dudditts, Douglas Cavell, un ragazzo down salvato dal branco.

Il protagonista, passando a Derry nota un monumento alla memoria dei bambini uccisi, firmato con affetto dai “Perdenti” ma imbrattato da una scritta di vernice rossa che dice: “PENNYWISE VIVE!”

IT E I SETTE PERDENTI

Ancora un rapporto d’amicizia, che resiste al tempo. Sette ragazzi legati da un terribile segreto, impegnati in una missione più grande di loro.

 

DOLORES CLAIBORNE, con  il ricorrente tema dell’incesto.

 

ROSE MADDER, un incipit inquietante e forte come un pugno nello stomaco, violenza sublimata da una scrittura potente.

 

Jack Torrence in SHINING

 

MISERY NON DEVE MORIRE

Lo scrittore Paul Sheldon e l’ossessione di Annie Wilkes per il personaggio di Misery.

 

IL GIOCO DI GERALD

Jessie, che si sveglia solo per precipitare dentro un incubo, dal quale si direbbe impossibile uscire…

 

CELL

Clay Ridel e il figlio John: a volte gli excipit dei romanzi di King non mi hanno convinta, ma questo è particolarmente toccante: cosa non si farebbe per il proprio figlio?

E si potrebbe continuare a lungo…

 

 

2 risposte a Ancora a proposito di King

  1. Peter Manero scrive:

    Sei proprio una kingdipendente.
    Se devo essere sincero, quando termino un libro, rimango un po’ di tempo con lo sguardo levato verso il cielo e poter godere le tante sfumature.
    Sia positive e negative.
    Per “curiosità” (vedi virgolette) ho letto “Crypto” di Dan Brown. Effettivamente ha attaccato l’attenzione fino all’ultimo foglio, dopodiché ho realizzato quanto fosse brutto e scopiazzato.
    Tipico di lui.
    Buona serata.
    Peter

  2. gabriellarossitto scrive:

    Sì, lo sono, e non ho nessuna difficoltà ad ammetterlo.
    Da un libro voglio emozioni, e da King le ho. Sempre.
    Crypto? anche a non leggerlo… sarebbe stato lo stesso! capisci cosa intendo, allora: non mi piace quando un libro mi delude.
    buona giornata
    gabry

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: