Guccione a Taormina

gennaio 8, 2012

Mi definirei “moderatamente indignata”.

L’indignazione è dovuta all’aver percorso circa duecento km per NON vedere Guccione a Taormina.

Il termine moderatamente si deve invece alla splendida giornata di sole, con un mare estivo dominato dal vulcano innevato, in un posto che tutto il mondo ci invidia.

Perché la mostra chiusa quando tutti i post parlavano dell’otto gennaio come ultimo giorno?

MOSTRE DI PITTURA

Piero Guccione a Taormina

Quel rotondo volto di cipria trasparente” è il titolo, poeticamente allusivo, della personale di Piero Guccione che si inaugurerà giovedì 22 dicembre, alle ore 18:00, nella quattrocentesca ex-Chiesa di S.Agostino, odierna Biblioteca Comunale.

Una carrellata di una decina di opere – tra pastelli, oli e grafiche ritoccate a pastello – che offrono, tra l’altro, una prospettiva diacronica sull’opera del grande pittore siciliano, variazioni sul tema dedicato al pallida compagna della Terra nel suo continuo ruotare attorno al Sole. Quella Luna al cui fascino ambivalente – tra fisicità e spiritualità – Guccione è stato, da sempre, sensibile e che traduce nelle sue tele oscillando tra un senso di serenità ed un sottofondo di inquietudine. Un titolazione un po’ inusuale per un’esposizione di quadri ma decisamente intrigante, che ha la sua ragione di essere in un’espressione già usata dall’artista nel 1985 nel corso di una intervista con il critico Paolo Nifosì, e da questi volutamente ricordata e ripresa durante la recente intervista dell’ottobre di quest’anno fatta al “padre nobile” della Scuola di Scicli.

La mostra, che sfoggia il patrocinio del Comune di Taormina, è organizzata dalla “Galleria Lo Magno” di Modica in collaborazione con le associazioni “Arte & Cultura a Taormina”, “Art Promotion”, con “Taormina Arte” e “Tribeart”, mensile delle arti visive siciliane, media partner. Visitabile da martedì a domenica, dalle ore 9:00 alle 12:30 e dalle ore 16:00 alle 20:00, compresi i giorni festivi, chiuderà i battenti l’8 gennaio 2012.

http://www.tempostretto.it/news/mostre-pittura-piero-guccione-taormina.html

Una personale di Piero Guccione a Taormina

Dal 22 dicembre all’8 gennaio 2012 la Biblioteca comunale Sant’Agostino diTaormina ospiterà la mostra “Quel rotondo volto di cipria trasparente” di Piero Guccione, a cura di Giuseppe Lo Magno.

La mostra, che si inaugurerà alle ore 18, proporrà dieci opere tra pastelli, oli e grafiche ritoccate a pastello, dedicate alla luna. Dieci variazioni sul tema che offrono, tra l’altro, una prospettiva diacronica sull’opera di Piero Guccione.

Il titolo della mostra ricalca un’espressione dell’artista contenuta in una sua recente conversazione-intervista con il critico Paolo Nifosì. Il corpo celeste, raffigurato nella versione mattutina, ritorna spesso nell’opera di Piero Guccione, da sempre sensibile al suo fascino ambivalente, tra fisicità e spiritualità.

Nelle tele del maestro di Scicli si coglie da un lato il senso di serenità che la luna nell’azzurro del cielo comunica, grazie alle alle trasparenze, alle velature alla variazioni minime del colore e alla stratificazione della materia. Dall’altro, c’è un sottofondo di inquietudine che attiene al mistero della natura e allo stupore dell’artista al suo cospetto e che si rivela nelle linee orizzontali del mare che tentano d’incontrarsi e che invece non s’incontrano o in un’onda che increspa talora la superficie marina.

La mostra è organizzata dalla Galleria Lo Magno di Modica (RG) con il patrocinio del Comune di Taormina, delle Associazioni Arte & Cultura a Taormina e Art Promotion, di Taormina Arte e di Tribeart mensile delle arti visive siciliane (media partner) e con il contributo dell’azienda vinicola Planeta.

L’esposizione sarà aperta al pubblico da martedì a domenica dalle ore 9 alle 12.30 e dalle ore 16 alle 20, compresi i giorni festivi.

http://latriquetra.blogspot.com/2011/12/una-personale-di-piero-guccione.html

Piero Guccione a Taormina

 Dal 22 dicembre (inaugurazione alle ore 18.00) all’8 gennaio a Taormina, presso la Biblioteca Comunale, sono di scena 10 opere di Piero Guccione.“Quel rotondo volto di cipria trasparente”, pastelli, oli e grafiche cheraccontano l’incontro  tra la luna e il mare nelle diverse e possibili interpretazioni del Maestro di Scicli, ispirate dalla suggestiva marina di Sampieri (RG).

La  mostra, a cura di Giuseppe Lo Magno, organizzata dalla Galleria Lo Magno di Modica, con il patrocino del Comune di Taormina e delle associazioni Arte & Cultura, Art Promotion e Taormina Arte consentirà al pubblico di “toccare dal vivo” l’espressività artistica di uno dei maggiori artisti italiani contemporanei.

Piero Guccione, classe 1935, si è formato all’Istituto d’Arte di Catania per proseguire il suo percorso formativo all’Accademia di Belle Arti di Roma dove è stato anche assistente di Renato Guttuso nella metà degli anni ’60.
Dagli anni 80 è tornato a vivere nella sua Sicilia.
Innumerevoli i premi e i riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, ottenuti, ad oggi,  nel suo percorso artistico.

Tra i riconoscimenti ufficiali, la Medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica Italiana come Benemerito dell’arte e della cultura, ricevuta nel 2004 dall’allora Presidente Carlo Azeglio Ciampi.

Una aggiornata e completa biografia, oltre a dettagliate informazioni sul percorso artistico sono disponibili sul sito personale di Piero Guccione:www.pieroguccione.it

http://www.etnastyle.it/2011/12/piero-guccione-taormina.html

e possiamo continuare….

http://247.libero.it/focus/13679140/575/personale-di-piero-guccione-a-taormina/

http://www.tempostretto.it/news/mostre-pittura-piero-guccione-taormina.html

http://www.italianodoc.com/eventi/2011/taormina.mostra.piero.guccione.htm


Carla Accardi a Catania

febbraio 6, 2011

 

 

Si inaugura oggi, a Palazzo Valle, la mostra di Carla Accardi, Segno e trasparenza

 

 

Inaugurazione 5 febbraio 2011

Dal 6 febbraio al 12 giugno 2011

Biglietti interi: 8 euro, ridotti: 5 euro, scolaresche: 2,50 euro, i pomeriggi di martedì e venerdì ingresso 1 ?

Mostra a cura di Luca Massimo Barbero, promossa dalla Fondazione Puglisi Cosentino in collaborazione con Studio Accardi e RAM radio arte mobile. Sponsor Finsole Spa.

Monografia sull’artista a cura di Luca Massimo Barbero edita da Silvana Editoriale.

Per informazioni e prenotazioni:
Fondazione Puglisi Cosentino
tel. + 39 095 7152228 – +39 095 7152118
info@fondazionepuglisicosentino.it
www.fondazionepuglisicosentino.it

 

 

http://www.teknemedia.net/archivi/2011/2/5/mostra/42882.html

http://www.direttanews.it/2011/02/02/nel-segno-dellastrazione-in-mostra-accardi-a-catania-ma-anche-licini-melotti-e-novelli-a-rovereto/

http://www.vitadidonna.org/cultura/eventi/palazzo-valle-catania-carla-accardi-segno-e-trasparenza-5973.html

http://architetturacatania.blogspot.com/2010/11/carla-accardi-segno-e-trasparenza-in.html


Guccione ad Agrigento

gennaio 30, 2011

 

 

IL MEDITERRANEO

Piero Guccione

Alle Fabbriche Chiaramontane FAM, piazza S. Francesco 1, Agrigento

Il maremeraviglia di Guccione, come sempre una stupefacente carezza al cuore…

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

 

Ma la domenica è il giorno giusto per chiudere i musei? Palazzo dei Filippini, chiuso di domenica!

http://www.laltraagrigento.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2079:da-genova-ad-agrigento-guccione-il-mediterraneo-mostra-alle-fabbriche-chiaramontane&catid=43:arte&Itemid=402

http://www.agrigentooggi.it/guccione-alle-fabbriche-chiaramontane-foto/

http://www.ondaiblea.it/2011011230741/Recensioni/Mostre-e-Arte/guccione-il-mediterraneo-la-mostra-di-agrigento-presentata-ieri-a-palermo.html

http://www.cataniaoggi.com/rubriche/in-sicilia/12144_arte-guccione-il-mediterraneo-la-mostra-di-agrigento-presentata-a-palermo.html

http://news.ciaociaoitaly.com/mostra-di-arte-guccione-il-mediterraneo-ad-agrigento/


Piccole cronache romane

gennaio 7, 2011

foto di Alessandra Conti


Ed eccomi nella mia città.

No, non ci abito, ma mi piacerebbe. Roma (come Parigi e Barcellona) mi fa sentire a casa. Mi abbraccia ogni volta di stupore e meraviglia. Quando sono qui ho la sensazione di essere tornata. Non saprei spiegarmi il perché –e non me lo domando.

Lascio il bagaglio e mi precipito fuori.

Raggiungo a piedi il Lungotevere per la prima mostra.

Ancora Chagall, dopo la splendida mostra del 2007 al Vittoriano, ancora colori a traboccarmi fuori dall’anima, a riempire ogni poro.

La folla non mi impedisce di sostare davanti ai quadri che amo, anche se preferirei essere sola in questo momento.

Leggo le poesie illustrate dall’autore stesso e le trovo bellissime. Spero di poterle rileggere nel catalogo.

MARC CHAGALL

IL MONDO SOTTOSOPRA

ARA PACIS

Lungotevere in Augusta

fino al 27 marzo 2011

http://www.arapacis.it/mostre_ed_eventi/mostre/chagall_il_mondo_sottosopra

Scopro con disappunto che il catalogo è esaurito, la commessa fa qualche telefonata e mi comunica che posso trovarne una copia al MACRO.

All’uscita, il lungotevere è uno spettacolo: tra gli alberi spogli occhieggia un tramonto inverosimile, in tutti i toni dall’indaco al violetto.

Maledico la fretta che mi ha fatto dimenticare a casa la macchina fotografica, devo accontentarmi di registrare tutto questo con la sola memoria

E sia! Non posso rinunciare al catalogo senza neanche vederlo…

Esistono due categorie di tassisti: i loquaci e i taciturni.

Andando al MACRO mi imbatto in uno della prima categoria, per tutto il tragitto parla di arte, e di arte contemporanea; mi chiede se lavoro nel campo, mi consiglia il MAXXI, parla della difficoltà di affermarsi per chi non ha soldi o le conoscenze giuste, parla dei talenti che rischiano di rimanere misconosciuti fin oltre la morte. Sto per chiedergli se dipinga lui stesso, ma mi piace immaginare di sì. Vedo la sua soffitta affollata di enormi tele accatastate  nella penombra, in attesa di essere scoperte per gridare al miracolo…

MACRO

via Nizza

Scopro con piacere la struttura avveniristica che ospita artisti contemporanei, derivante dalla riconversione degli stabilimenti della birreria Peroni, con interventi successivi dell’architetto francese Odile Decq.

http://www.macro.roma.museum/

Per compiere la visita virtuale:

http://www.macro.roma.museum/macro/visita_virtuale

Il catalogo della mostra di Chagall si trova, dopo indaginose ricerche.

Il commesso mi odia, lo sento, ma è gentile: gli chiedo le poesie di Chagall in originale, accompagnate dai disegni dell’autore.

Naturalmente non riusciamo a trovarle, e nel catalogo della mostra (scarno, in verità) non compaiono.

http://poesia.blog.rainews24.it/2010/12/18/il-mondo-sottosopra-di-marc-chagall/

Ma sono già a destinazione. Per stasera è tutto.

martedì 5 gennaio

VINCENT VAN GOGH

Campagna senza tempo – Città moderna

Roma – Complesso del Vittoriano

Via San Pietro in Carcere (Fori Imperiali)

fino al 6 febbraio 2011

Ho visto Van Gogh a casa sua (http://www.vangoghmuseum.nl/vgm/index.jsp?page=paginas.talen.it),

e dunque visito luoghi per lo più conosciuti, ma non importa.

L’emozione è grande lo stesso. Peccato per la folla, a volte troppo rumorosa.

Mi chiedo come mai non ci sia il video.

http://www.vangoghgallery.it/mostra-van-gogh-vittoriano.htm

http://www.romatoday.it/eventi/mostre/elenco-quadri-esposti-mostra-van-gogh-vittoriano-roma.html

http://www.wakeupnews.eu/van-gogh-al-vittoriano-tra-genialita-follia-e-raffinatezza/

http://www.wakeupnews.eu/van-gogh-al-vittoriano-tra-genialita-follia-e-raffinatezza/

Sempre nel complesso del Vittoriano, una mostra dedicata alla Duse, con costumi, filmati, fotografie, manifesti, lettere.

ELEONORA DUSE

Il viaggio di Eleonora Duse intorno al mondo

fino al 23 gennaio 2011


http://www.newspettacolo.com/lazio/news/mostre/27449_il-viaggio-di-eleonora-duse-intorno-al-mondo-roma-complesso-del-vittoriano-salone-centrale-dal-03-dicembre-2010-al-23-gennaio-2011.html

Uscendo, la fila per Van Gogh si avvita come un lungo serpente sotto la scalinata.

Una coppia discute ad alta voce: lei vuole visitare la mostra, lui la trascina via, ribadendo che non passerà due ore in fila. Lei insiste, lui è irremovibile. Li guardo e commento dentro di me.

CARAVAGGIO

La bottega del genio

Palazzo Venezia

fino al 29 maggio 2011

Le signorine alla biglietteria hanno la gentilezza di avvertire che non ci sono opere originali esposte.

Si tratta infatti di una mostra didattica, sulle tecniche di pittura probabilmente usate dal pittore e dai contemporanei.

Interessanti le riproduzioni in resina della Canestra di frutta, del San Girolamo scrivente, del Bacchino malato e della Medusa.

http://caravaggio400.blogspot.com/2010/12/roma-palazzo-venezia-dal-22-dicembre-al.html

http://www.artapartofculture.net/2010/12/22/caravaggio-la-bottega-del-genio-roma-palazzo-venezia-dal-22-dicembre-2010/

Mangio con disinvoltura un uovo sodo rubato in albergo e proseguo. Quando mi nutro d’arte, il cibo non serve.

Da via Plebiscito vado in via del Corso, diretta a Piazza di Spagna. Voglio visitare la Keats-Shelley House e telefono a un amico per metà romano con cui condividere l’esperienza.

http://www.keats-shelley-house.org/it

Il telefono resta muto mentre mi imbatto in qualcosa  che rivoluziona il mio programma.

Ci sono passata davanti più volte e non sono mai entrata. Dev’essere la volta buona. Leggo che c’è un Caravaggio e questo mi convince.

GALLERIA DORIA PAMPHILJ

Via del Corso, 305

 

http://www.dopart.it/roma/

Non mi pento della scelta. A parte la magnificenza degli appartamenti, bastano due quadri a giustificare la visita.

Il Ritratto di papa Innocenzo X Pamphilj di Velasquez

http://www.dopart.it/roma/i-capolavori-doria-pamphilj/diego-rodriguez-de-silva-y-velazquez/

intenso e di una sorprendente forza. Pare che il papa stesso vedendolo abbia commentato: “Troppo vero!”

La testa in marmo del Bernini, sistemata accanto, non regge il paragone.

Il Riposo durante la fuga in Egitto di Caravaggio:

http://www.dopart.it/roma/i-capolavori-doria-pamphilj/michelangelo-merisi-detto-il-caravaggio-2/

L’angelo di spalle suona il violino. Posso udire anch’io la stessa musica.

Quando esco, pioviggina.

E allora altra mostra:

ROMA E L’ANTICO. REALTA’ E VISIONE NEL ‘700

via del Corso 320

fino al 6 marzo 2011

http://www.fondazioneromamuseo.it/it/le_mostre/future/roma_e_antico.html

Lo ammetto, di questa si poteva fare a meno.

Poi un contemporaneo, eclettico e sorprendente, con un vago sapore di Escher. L’artista stesso  nell’audioguida sottolinea di essere l’unico vivente ad avere allestito una mostra in questo palazzo

PABLO ECHAURREN

CRHOMO SAPIENS

fino al 13 marzo 2011

Fondazione Roma Museo, Palazzo Cipolla

http://www.fondazioneromamuseo.it/it/641.html

http://www.pabloechaurren.com/blog.php

http://www.wakeupnews.eu/crhomo-sapiens-esplode-il-colore-con-pablo-echaurren/

http://www.taccuinodiviaggio.it/home/index.php?option=com_content&view=article&id=798:roma-palazzo-cipolla-mostra-qpablo-echaurren-crhomo-sapiensq-&catid=64:cultura-a-turismo&Itemid=98

 

Ora si impone un’altra scelta: piazza di Spagna o la mostra di Palazzo Venezia che stamattina ho saltato?

Alla biglietteria di Echaurren, una delle ragazze mi trae in inganno: mi dice che ci sono alcuni dei famosi guerrieri di terracotta. Penso che non posso perdermi una cosa del genere e torno a Palazzo Venezia.

I DUE IMPERI. L’AQUILA E IL DRAGONE

PALAZZO VENEZIA

fino al 6 febbraio

Devo dire che la mostra non mi sembra ben allestita, ma vale la pena anche solo per vedere i due sarcofagi in giada che mi sono sembrati straordinari:

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_286035924.html

http://www.06blog.it/post/9472/i-due-imperi-laquila-e-il-dragone-a-roma-impero-romano-dinastie-cinesi-qin-e-han

http://mostreemusei.sns.it/index.php?page=_layout_mostra&id=804&lang=it

Ancora un tassista (taciturno) per farmi depositare al

MAXXI

via Guido Reni

Altra struttura avveniristica, dell’architetto anglo-irachena Zaha Hadid, scelta tra 273 candidati provenienti da tutto il mondo.

È già emozionante muoversi fra scale sinuose ed esplorare senza meta, perdersi in questi ambienti che stupiscono, al di là delle installazioni, spesso discutibili.

http://www.fondazionemaxxi.it/

Torno in albergo ben sazia –dubito si potesse fare di più in un giorno e mezzo.

Non amo vedere le cose in fretta, anzi voglio indugiare a mio piacimento davanti alle opere d’arte, e a volte mi capita di rifare il giro, quasi a imprimere meglio forme e colori sulla retina.

Sono un po’ ingorda, questo sì, lo ammetto.

Ma come inizio d’anno… non c’è male.

Arrivederci, Roma.


Percorso di donna

aprile 15, 2010

 

PERCORSO DI DONNA

di Mariella Sudano

Il bianco e il nero si avvicendano in intrecci imprevedibili, immagini e segni che graffiano nel profondo. Astratto e figurativo convergono e si distanziano in apparente contraddizione.

C’è, nell’opera grafica di Mariella Sudano, il recupero dei ricordi, in un viaggio dentro  di sé  fatto di forza e di dolcezza insieme.

Non il colore a distrarre, non i mezzitoni e le sfumature: solo il contrasto assoluto e perfetto a segnare, a delimitare strade tortuose raffiguranti l’inconscio. L’inespresso prende vita, l’indicibile assume finalmente una forma.

Il viaggio si snoda tra passato e presente, altalenando profondità misteriose e verità evidenti.

Una donna è infatti mistero e magia, non si svela e non va compresa, ma solo amata.

GABRIELLA ROSSITTO

 


Burri e Fontana a Catania

febbraio 1, 2010
In mostra Burri e Fontana
dal 15 novembre al 14 marzo
Palazzo Valle
via Vittorio Emanuele II, 122
T 095 7152118, 095 7152228
Orario: dal martedi’ alla domenica 10-13.30; 16.00-19.30
il sabato sino alle 21.30; chiuso il lunedi’
 L’iniziativa della fondazione Puglisi Cosentino, che durerà dal 15 novembre al 14 marzo, porta a Catania due maestri del ‘900. 
Dopo la prima esibizione dedicata alle “Costanti del classico nell’arte del XX e XXI secolo”, che ha goduto di un ampio successo di critica e pubblico e nella quale sono state esposte opere dei più importanti artisti degli ultimi due secoli tra cuiMatisse, Degas, Duchamp, Picasso, De Chirico, Kandinskij, Beuys e Kounellis, questo secondo appuntamento dà l’occasione ai visitatori di ripercorrere le tappe fondamentali del lavoro di due capiscuola dell’arte contemporanea, che attraverso l’affermazione di due distinte poetiche, il primato della materia di Burri e la concezione spaziale di Fontana, hanno segnato per le arti visive un momento di svolta radicale, influenzando così le correnti artistiche successive.

http://www.arslife.com/dettaglio2/2009/11/burri-fontana-materia-e-spazio.htm

 


ARTINCONTRO

dicembre 21, 2009

 

Venerdì 18, all’Auditorium della Camera di Commercio di Ragusa, ha avuto luogo la seconda rassegna ARTincontro, curata splendidamente dalla poetessa Sonia Migliore e condotta con altrettanta perizia dalla giornalista Isabella Papiro.

Dopo i saluti istituzionali di Salvatore Battaglia, presidente di Officina 90, dell’On Franco Antoci, presidente della Provincia di Ragusa, del sindaco di Ragusa, Nello Di Pasquale, e dell’assessore alla cultura Mimì Arezzo si sono esibiti i poeti Sonia Migliore, Maurizio Nicastro, Fabio Messina, Mariella Sudano, Gabriella Rossitto, Edoardo Spadaro, Pippo Di Noto e Giovanna Vindigni, accompagnati dai musicisti presenti.

Per la musica si sono esibiti Milena Di Rosa,  Salvo Giorgio, Mirko Marsiglia, Peppe Nappa, che ha musicato i versi di Sonia Migliore, e Giacomo Schembari.

Per la danza la ballerina Cetty Schembari ha eseguito un balletto accompagnata dal maestro Sergio Carrubba.

Per il teatro infine Fabio Guastella e Giuseppina Vivera hanno messo in scena un divertente duetto.

Dopo la consegna delle targhe agli artisti presenti, e della targa alla memoria di Angelo Campo, è stata inaugurata la Collettiva d’Arte, alla quale hanno contribuito gli artisti

GIOVANNI AMENTA – pittura

ARAMIS – pittura e tegole

PAOLA BURRAFATO – pittura

ELENA CAMPO – pittura

STEFANIA CASTELLO – pittura

SERGIO CORALLO – pittura

MARCO CRISPI – pittura

GIOVANNI GAMBINA – pittura e sassi

DANIELE GIULIANI – modellismo

SALVATORE LICITRA – scultura

MIRKO MARSIGLIA – pittura

SALVATORE MODICA e GIULIA PLUCHINO – pittura

MASSIMILIANO LICITRA – pittura

CLEMENTE CALAMARI – scultura

GAIA NICASTRO – pittura

GIORGIO NOBILE – litografia

SARO SGARLATA – pittura

MICHELE TROPEA – pittura e scultura

DAVIDE TOMASELLO – pittura