“Quattru sbrizzi” di Salvo Basso

novembre 7, 2009

 

ma satimi

dincoddu.

Mmazzimi

e stramazzimi.

 

Ma npaci,

na paci de babbi

na paci de morti,

nun miccilassari.

La poesia di Salvo Basso è priva di ridondanza, di compiacimento.

L’autore parla di sè, del quotidiano, in maniera piana e colloquiale, usando il dialetto senza eccessiva soggezione.

Per questo la sua poesia è forte,  è un pugno nello stomaco, non teme nulla, non lascia zone inesplorate.

 

pensu sempri a ttia.

 

E mm’arriminu

comu nmazzu i carti.

 

Ca cuntu

e ricuntu

e ssù ssempri trentanovi.

 

E tu, 

l’asu d’oru

ca mi manca.

 

 


La poesia di Salvo Basso al Maiazé

aprile 28, 2009

sconosciuto-1

 

Splendida serata domenica 26 aprile al Majazé, uno spazio recuperato dal passato, per la presentazione della nuova edizione di Quattru sbrizzi, di Salvo Basso.

Agli interventi dei relatori è seguita la lettura del libro curata da Domenico Simone: il termine reading però è estremamente riduttivo, preferirei parlare di performance. Sperimentazione, innovazione, perfetto connubio con la musica e soprattutto una grande anima: grazie a Domenico che ha reso vive le parole di Salvo.

I poeti non muoiono mai veramente.

 

 

 

Stanno parlando di te

che non ci sei

 

ma ju ti staiu virennu

assittatu ‘nto scuru

ca ridi e stai scrivennu

 

Stanno dicendo cose 

che non sai

la voce rotta

i ricordi appannati

 

comu dda sira 

ca ti canuscii

ca si parrava 

di vinu e puisia

 

e quante parole 

avevi ancora nel cuore

che premevano dentro

e gridavano forte

 

e tu cchi fai

ti stai divirtennu 

o ti nni vai?

dimmilli ancora

ddi cosi ca scurdai

 

Stiamo parlando di te

ma tu ci sei.