Geo Vasile a Catania

A Catania il 13 aprile 2011 alle ore 17.30 presso la Libreria Trinacria Libri, Piazza Giovanni Verga 6/a, nell’ambito degli scambi culturali con la Romania, l’Associazione Akkuaria, organizza un incontro con lo Scrittore – critico letterario e saggista Geo Vasile.
Per l’occasione sarà presentato il libro bilingue di poesie “Ninfe & Kimere”.

Relazioneranno:
Vera Ambra, Presidente Associazione Akkuaria
Gabriella Rossitto, Poetessa
Francesco Giordano, Giornalista
Seguirà un intervento musicale del chitarrista Gianfranco Vitello.Con “Ninfe & Kimere” Geo Vasile segna il suo debutto poetico. La silloge di 50 testi poetici originali e tradotti dall’autore stesso in italiano rappresentano una sorta di ponte gettato sopra varie età e decenni che lega una
gioventù goliardica, segnata dall’abulia e dal mimetismo ad una maturità più cauta e forse più riflessiva. Mitologia personale e tarda confessione, sostenuta da una prosodia epico-drammatica, da pensieri e immagini illuminate dal presentimento della fine biologica.
L’eroe dei versi è una specie di Orfeo in perpetua cerca della sua Euridice, costretto però a fare l’amante delle diverse comparse della Medusa, lacerato tra libertinaggio e rimpianto, tra coscienza selettiva teorica, libresca e l’avventura infantile, eroicomica, autolesionista, tipo don Quisciotte.
Una via di Damasco, dalla cecità e dall’ossessione della materia alla libertà dello spirito. Non potevano
mancare sequenze di giovanile passione e di cinismo, di perpetuo strazio e di ironia amara. Avventure immaginarie compiute in assenza di ogni educazione sentimentale, quindi sotto il segno dell’azzardo, ma anche dell’ epoca (ancién régime, id est comunismo) e dello spazio (“la squallida provincia universale”) di tutte le interdizioni, il rimedio della solitudine viene cercato come nella poesia di Cesare Pavese nell’erotismo, in altre parole nel “vizio assurdo” che serve solo a sradicare e relegare il nostro eroe lirico in una più tragica solitudine.
Testimonianza di una difficile maturazione e al tempo stesso allegoria d’amore e morte popolata di Ninfe & kimere che il più delle volte non erano che maschere della terrificante Medusa, il libro è una casa armonica di sviamenti morali, di delirio e raccoglimento, rammentando François Villon, Paul Verlaine, Gellu Naum, Emil Brumaru, Dino Campana o Cesare Pavese.

 

GEO VASILE, pseudonimo letterario di VASILE GHEORGHE (n. 21 giugno 1942, Bucarest)

Laureato del Collegio S. Sava; negli anni ’60 segue i corsi dell’Università di Bucarest, Istituto di Lingue e Letterature Straniere, Facoltà di lingua e letteratura italiana e romena, dove ebbe tra i professori illustre personalità tipo Nina Façon, Alexandru Balaci, George Lazarescu, Doina Derer, Marco Cugno ecc. La sua tesi di laurea è stata il primo studio del mondo accademico rumeno sulla poesia e la prosa di Cesare Pavese. Tra 1967 e 1971 fa il professore di campagna; dal 1971 fino al 1990 è bibliotecario presso l’ufficio scambi internazionali della Biblioteca Nazionale, periodo in cui gli è permesso dal regime solo di tradurre poesia universale su varie riviste del paese. A partire dal 1991 è redattore di pagina culturale del quotidiano “Dimineata” (Il Mattino”) e dal 1992 fino al 1996 del settimanale “Baricada”. Si dedica esclusivamente alla critica letteraria e alla traduzione da e in italiano, collabora con qualche rivista letteraria, tra le quali “Luceafarul” (Espero) diventato dal 2008 “Luceafarul de dimineata” (Espero mattutino), “Romania literara”, “Astra”, “Hyperion” .

Debutto editoriale: nel 1987 cura e traduce dall’italiano un antologia di versi, “ Insula regasita” (Insula ritrovata) con i tipi dell’Editrice Univers, prefazione di Marin Sorescu, del poeta e saggista siciliano ed europeo Mimmo Morina (Villafrati, Enna 1933 – Lussemburgo 2005); di Mimmo Morina tradurrà fra 15 anni, nel 2002, la prima parte di una trilogia in prosa intitolata “Argonauti di Via Telegrafo”.

All’inizio del novembre 2008 viene invitato ad una serata di poesia romeno-italiana ospitata dall’Accademia di Romania in Roma. In presenza di un numeroso pubblico, del ministro consigliere dell’Ambasciata Romena, l’italianista Mihail Banciu e della vice-direttrice Daniela Crasnaru vengono allestite tre antologie poetiche curate e tradotte da Geo Vasile: Geoge Bacovia. Plumb. Versuri. Piombo. Versi, Marino Piazzolla . I fiori del dolore. Florile durerii e Mihai Eminescu. Iperione.Poesie scelte, tutti e tre uscite presso l’Editrice romana Fermenti. Fa una conferenza sul motivo del dolore universale nell’opera dei tre grandi poeti, collegandosi anche a Leopardi. Sono intervenuto i critici italiani Donato di Stasi e Antonella Calzolari.

Nel giugno del 2009, su invito della direttrice dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Monica Joita, partecipò al lancio dell’antologia poetica bilingue di Gellu Naum, “A cincea esenta. La quinta essenza” quale traduttore ed esegeta dell’opera del più grande surrealista romeno (1915 – 2001), occasione in cui gli fu assegnata nella sede del Comune la medaglia della città di Venezia per aver favorito i rapporti culturali e di amicizia tra i due popoli. Sono intervenuti la docente universitaria Silvana Tamiozzo e il giovane critico Nicola Cecconi.
Da Venezia raggiunse Friuli , su invito del romanziere Marco Salvador, residente a San Lorenzo. Ebbe occasione di visitare il Centro di Studi Pasoliniani nonché il cimitero di Casarsa, dove furono portate e sepolte le spoglie del grande scrittore, trucidato nel 1975 a Ostia, la villa Manin di Passariano (Codroipo), un complesso architettonico monumentale del Cinquecento, l’abitazione dell’ultimo doge Ludovico Manin, e che in quel periodo ospitava un’ampia mostra retrospettiva dell’artista friulano, amico del Pasolini, Giuseppe Zigaina (n.1924).
Verso la fine del maggio 2010 tiene una conferenza a Firenze sul più grande poeta cristiano d’Europa Mario Luzi nonché sull’ultimo romantico europeo, il romeno Mihai Eminescu (1850-1889). Da Firenze viaggia in treno verso Torino dove soggiorna per qualche giorno; sempre in treno raggiunse Mestre. In presenza dell’autore veneziano, fa una conferenza presso l’Istituto Romeno di Venezia sul romanzo di Tiziano Scarpa “Stabat Mater” (Strega e Supermondello 2009) uscito nello stesso anno in romeno.

Principali Opere di Geo Vasile 2001-2010
•  Pluralul românesc

(Il plurale romeno)
• Poezia română între milenii

(La poesia romena tra i due millenni)
• Proza românească între milenii”

(La prosa romena tra i due millenni)
• De veghe în lanul de proză. De la Mircea Eliade la Mircea Cărtărescu”

(Vegliando nel seminato di prosa. Da Mircea Eliade a Mircea Cartarescu)
• Epica analitica. Personaje in filigran

(Epica analitica. Personaggi in filigrana)

(prosatori nord e sud-americani, giapponesi, autori a passaporto internazionale)
• Poezie română contemporană.Mărci stilistice”
(Poesia romena contemporanea. Marchi stilistici.
• Lumea în 80 de cărţi”

(Il giro del mondo in 80 libri)
• Romanul sau viaţa

(Il romanzo o la vita)
• Confluenze letterarie italo-romene.

Confluenţe literare româno-italiene”, edizione bilingue
• Profili letterari italo-romeni.

Profiluri literare italo-române”, edizione bilingue
• Europa în cincizeci de romane”

(Il giro d’Europa in cinquanta romanzi)

• (2009) Ninfe & Kimere. Ninfa & Kimere, originale poesia Testi (edizione bilingue), 2010.AUTORI ITALIANI TRADOTTI IN LINGUA ROMENA : 2004-2010
Italo Calvino (“Palomar”, “Gli amori difficili”- prosa),

Monaldi & Sorti (“Imprimatur” “Secretum” romanzi),
Claudio Gatti (“Il presagio”- romanzo),
Umberto Eco (“Cinque scritti morali”- saggio, “A passo di gambero”- saggi ),
Giuseppe Bonaviri, Marino Piazzolla,
Paolo Ruffilli: ( “La piccola colazione” , “Camera oscura”, “Diario di Normandia”
“Le stanze del cielo” (volumi di poesia con testo a fronte)
“Preparativi per la partenza” – racconti)
Giovanni Sartori (“Pluralismo, multiculturalismo ed estranei”),
Marco Salvador (“Il longobardo – romanzo”),
Gianni Riotta ( “Principe delle nuvole”- romanzo),
Tiziano Scarpa (“Venezia è un pesce. Una guida”),
Giovannino Guareschi (“Don Camillo”- romanzo),
Paola Jacobbi (“Voglio quelle scarpe!”, saggio)
Tiziano Scarpa (“Stabat Mater”, romanzo ( premio Supermondello e Strega
2009)lanciato a Venezia in presenza dell’autore nel 2010
Mauro Raccasi (“Il Regno di Conan”)
Mario Luzi (“Conoscenza per ardore”, antologia poetica bilingue)

http://www.akkuaria.com/articoli/Geo_Vasile.htm

http://www.catanianotizie.it/2011041126499/lo-scrittore-e-saggista-romeno-geo-vasile-a-catania.html

Un’intervista a Geo Vasile:

http://firiweb.wordpress.com/2008/11/24/nulla-die-sine-linea-a-colloquio-con-geo-vasile/

GEO VASILE SARA’ ANCHE A MODICA IL 16 APRILE:

http://www.ilgiornalediragusa.it/notizie/cultura/30407-incontro-con-il-poeta-e-scrittore-rumeno-geo-vasile.html

http://www.myspace.com/geovasile

http://romaniadindiaspora.ning.com/profiles/blogs/pacatul-de-geo-vasile?xg_source=activity

http://www.fondazionemarinopiazzolla.it/Presentazione_05_11_2008_foto.php

 

2 risposte a Geo Vasile a Catania

  1. geo vasile scrive:

    grazie gabriella dell’inchiostro, hai ricevuto una rivista romena Hyperion con alcuni tuoi testi poetici e la versione romena?

  2. gabriellarossitto scrive:

    No. Spero presto, allora.
    Un saluto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: