Palermo parla n. 81

marzo 22, 2012

 

da “PALERMO PARLA” N. 81-MAGGIO 2011

 

Con “Russània” (ed. Medinova) Gabriella Rossitto si è aggiudicata il Premio Martoglio 2010.

Nata a Catania, la poetessa vive a Palagonia, dove insegna.

Russània è la rosolia, che fa coprire di macchie il volto dei bambini… Perché dunque Russània?

Perché Russània è malattia, malattia d’amore. I componimenti poetici presentano una brevità di versi e contenuti lirici in linea con i moderni e recenti stilemi. Ciò, insieme alla caratteristica delle altre strutture formali e dei toni linguistici, inquadrano la produzione della Rossitto nell’ambito della recente produzione dialettale siciliana. Tali qualità hanno determinato la vittoria in questa ed analoghe circostanze.

La raccolta poetica è divisa in cinque sezioni: cardacìa (ansietà, cardiopatia), vampuliata (ardore, caldana), frastuornu (voglia inquieta), frevi (febbre), nzinchi (segni,gesti). La Rossitto canta infatti l’amore come malattia, nelle sue varie possibili manifestazioni di ansietà, ardore, inquietudine, febbre. Un cammino poetico che – come dice Alfio Patti nell’introduzione stessa – non può concludersi senza segni, cioè nzinchi. Sono le varie fasi dell’amore, i vari momenti, ma esso si traduce in poesia. Quale momento è, infatti, più poetico dell’amore, da che tempo è tempo? Ma la Rossitto ne fa motivo, sempre e in ogni modo, di …malattia. C’è molto amore difficile. Ma eccoci a “cardacìa”, che è il momento più caldo e dirompente fra i quattro…

Cauru: M’attunnulìa / ddu vrazzu / ancora / e ddi vasuni… (a soru facemu finta ca si’ a me zita / ccussì a dda

lesa / cci pigghia a gilusìa) / si cci tornu / cc’u pinzeri / sentu cauru nt’o cori.

Di ogni composizione, si trova nel libro la traduzione.

Caldo: mi circonda/ il suo braccio/ ancora/ e quei baci/ (sorella fingiamo che sei la mia ragazza/ così faccio ingelosire/ quella scema)/ se ci torno/col pensiero/ sento caldo/ nel cuore.

Lydia Gaziano


Un grazie a Letteratitudine

dicembre 30, 2011


Letteratitudine su Russània

dicembre 30, 2011

http://letteratitudine.blog.kataweb.it/libri-segnalati-speciali/


Letteratitudine su Russània

dicembre 30, 2011

http://letteratitudinenews.wordpress.com/2011/12/30/russania-di-gabriella-rossitto/


Sentimento e ragione

aprile 2, 2011

La scrittrice Elena Saviano ha recensito Russània, a Palermo, in occasione della presentazione del Premio Martoglio 2011.

 

Sentimento e ragione

Russània di Gabriella Rossitto

Ho riscontrato leggendo l’introduzione al libro di Alfio Patti assonanze che condivido nella identificazione di sentimento e razionalità. Il libro dell’autrice Gabriella Rossitto dal titolo “Russania” introduce il lettore passo dopo passo dentro un’esistenza di altalene definite dalle stagioni del cuore. Cinque le stagioni di questo libro narranti attraverso il verso poetico dialettale una vita di emozioni, pensieri, gesti, quasi a sottolineare la scansione del tempo. Nell’antropologia dell’apparente consuetudine, fatta di cose quotidiane, Gabriella Rossitto si espone ed espone il verso poetico all’attenzione di chi non coglie più il ritmo musicale di giorni, mesi, anni di ardenti passioni, ansie e silenzi dell’anima. La solitudine, la riflessione, l’amore temi molto cari ai poeti colgono l’istante del battito vitale nella fotografia  di una passione talvolta diluita per permettere all’altro di farne parte, altre invece asciutta e diretta. La voce della poetessa giunge all’ascolto interiore del lettore a rivedere posizioni e comportamenti quasi scomparsi, ma sempre vivi e attenti alla condizione dell’esserci. In “regalo” l’autrice pone il silenzio quale unico momento di pace convergente nella notte “ora puoi dormire/ senza turbamenti” . Ricorre sovente la pioggia, il vento, il sole. Il caldo dapprima nell’abbraccio tepore fatto di baci per poi colmare nel cuore. Pietre e pietruzze le prime che bastonano e tolgono il senso del presente assorbito dal vuoto le altre che tentano di scuotere “ma tu davvero/non li senti/i sassolini/che ti sto lanciando?/ invece li accatasti/uno a uno/ per farne un muro/che possa nasconderti”.

Deliziosi i momenti di analogie in “Cannameli – canna da zucchero” “Ficurinia –ficondindia “ “Zibibbu – zibibbo “  dichiarazioni d’amore  a mio avviso alla Sicilia e all’uomo o alla donna della propria esistenza, in un vortice infinito di dolci e fresche sensazioni che sprigionano gusti, sapori che permettono all’umanità di sentire la vita.

ELENA SAVIANO


Ancora su Russània – Amedit Magazine

aprile 2, 2011

 

Un appuntamento molto atteso ed a cui guardano molti poeti, quello del Premio Nino Martoglio per sillogi  inedite di poesia siciliana, che si tiene nella città di Grotte (AG). L’evento, ideato e diretto da Aristotele Cuffaro, offre la possibilità ai poeti partecipanti di vedere pubblicata la propria opera, opportunamente divulgata, distribuita e recensita dai più importanti dialettogi viventi. Tre i finalisti dell’ottava edizione: Senzio Mazza (Linguaglossa) con la silloge Ummiri e sonnira, Salvatore  Vicari(Ragusa) con U filu u vespri eGabriella Rossitto (Palagonia) con Russania ai quali è stato consegnato il simbolo del Premio, la scultura ritraente il volto del grande poeta e commediografo siciliano Martoglio, realizzata dall’artista grottese Cipolla. La giuria – composta da Salvatore Di Marco, Tommaso Romano, Nino Agnello, Salvatore Trovato, Salvatore Mugno, Alfio Patti e Antonio Liotta – ha decretato la vittoria della Rossitto che si è aggiudicato così anche il contratto di pubblicazione gratuita con la casa editrice Medinova. Due premi speciali sono stati inoltre consegnati all’attore Giovanni Cacioppo, figura rappresentativa della sicilianità nel panorama artistico-cinematografico internazionale ed allo scrittore Enzo Lauretta, per la sua importante opera nell’ambito della storiografia siciliana. Per Rossitto questo premio giunge dopo altri non meno importanti riconoscimenti. I versi di Russania hanno suscitato il profondo interesse della giuria che così si è espressa: “La poesia neo-dialettale che si diffuse in Italia nel corso degli ultimi decenni a cavallo tra il fine del novecento e questo nuovo secolo con ampie vedute di rinnovamento, in Sicilia si è data l’avvio non trascurando di recuperare nel contempo moduli, linguaggi e temi i quali hanno profondamente agito sulla tradizione alta della lirica dialettale isolana, aprendole nuove prospettive letterarie. Di tale poesia – che ci consegna figure e opere di notevole rilievo – la voce più recente e interessante è quella della poetessa Gabriella Rossitto di Palagonia con la sua bella silloge intitolataRussania. I versi della raccolta sono caratterizzati da tenere e soffuse aree di malinconica liricità che disegnano efficacemente i suggestivi paesaggi della intimità poetica. I singoli componimenti presentano una brevità di versi e di contesti lirici in linea con le più moderne soluzioni stilistiche. Infatti la modernità dello stile, delle strutture formali e delle tonalità linguistiche distinguono la silloge all’interno del repertorio più recente della poesia dialettale siciliana di questo albeggiare del nuovo secolo”. Dopo Il bianco e il nero (2002), e Segrete stanze (2008), la Rossitto ci consegna quindi la sua terza silloge di poesie, in un libro che accoglie, tra l’altro, le prefazioni degli scrittori Salvatore Di Marco e Alfio Patti. Nelle parole di quest’ultimo leggiamo: “Gabriella Rossitto, già nota nel panorama poetico siciliano per essersi affermata in numerosi concorsi e per un’intensa attività culturale, parla siciliano, garbato, dignitoso e fuori dagli schemi classici: incarna il proprio tempo. Rappresentante del neo-dialetto, diffusosi tra la fine del XX secolo e gli inizi di questo XXI, Rossitto dà continuità alla produzione poetica siciliana, quella che si pone problemi linguistici e stilistici per meglio comunicare con la gente del proprio tempo; quella rinnovata. In questo caso il ritmo è fondamentale. Il verso libero, è risaputo, è più difficile da realizzare rispetto alla poesia in metrica.” Il Sodalizio Amedit si congratula con la poetessa per il meritato riconoscimento.

Luca Bardaro

 

http://amedit.wordpress.com/2011/03/23/russania-di-gabriella-rossitto-vince-al-premio-nino-martoglio/


A Palermo presentata la nona edizione del Premio Martoglio

marzo 27, 2011

Questo slideshow richiede JavaScript.

http://www.grotte.info/ag/2011/notiziario%202011.03.htm#20.03.11

http://www.grotte.info/ag/2011/video/presentazione%20premio%20Martoglio%202011.htm

http://www.grotte.info/ag/2011/foto%201%C2%B0%20trim/presentazione%20premio%20Martoglio%202011.htm